Le Curiosità di Lastra a Signa

Vuoi adottare un barattolo?

Masso della Gonfolina

La Gonfolina è un monolite che si trova nel comune di Lastra a signa tra la Lisca e Brucianesi sulla statale 67 che delimita il confine tra il Valdarno Inferiore e Superiore.

Nell’epoca quaternaria la pianura di Firenze non esisteva ed al suo posto c’era un grande lago. Le acque fluviali erano trattenute da una diga naturale, a Ovest, di cui rimane solo il masso della Gonfolina. 

Questo masso è sempre stato considerato una pietra magica, al punto di essere talvolta definito come ‘masso delle fate’ e sono sono molte le leggende legate ad esso. 

Una si queste riguarda l’eroe Eracle che di ritorno dalla Spagna si stabilì per qualche tempo in Toscana, diventando re degli Etruschi. Per venire incontro alle esigenze degli abitanti della zona, l’eroe distrusse la diga naturale che impediva il deflusso delle acque dell’Arno dalla Piana di Firenze, creando la gola della Gonfolina. Anche secondo gli antichi storici fiorentini, il masso detto “della Gonfolina”, ostruiva il corso dell’Arno contribuendo all’impaludamento di tutta l’area; furono gli antichi romani a rimuoverlo, permettendo una prima e parziale bonifica degli agri della Piana e la successiva colonizzazione del territorio.

Secondo un’altra leggenda ancora i tedeschi non riuscirono a far esplodere il masso durante la Seconda Guerra mondiale.

Leonardo da Vinci si recava spesso a riflettere presso il masso. Lì osservava e studiava i movimenti dell’acqua del fiume. Una targa commemorativa ricorda il genio toscano.